Più è naturale più si acquista.

I claim delle etichette degli alimenti influenzano in modo crescente le abitudini di acquisto.

25 marzo 2019

Secondo uno studio di Label Insight, i claim presenti sulle etichette degli alimenti stanno influenzando in modo crescente le abitudini di acquisto, ancora di più se presentano il prodotto come naturale.
È questo il principale motivo per cui negli USA, quasi 22.000 alimenti riportano indicazioni sulla naturalità in etichetta. Il 53% dei consumatori infatti,  è disposto ad acquistare maggiormente alimenti caratterizzati dalla mancanza di aromi e dolcificanti artificiali, conservanti o coloranti.
Lo studio di Label Insight ha inoltre rilevato che il 51% dei consumatori è influenzato dall’espressione ‘senza conservanti’, e l’età anagrafica rivela un ruolo importante nelle decisioni di acquisto  I Baby Boomer (63%)  sarebbero più motivati ad acquistare articoli con questo claim rispetto alla Generazione X o ai Millennial (rispettivamente al 46% e 41%). 

Le altre espressioni che attraggono i consumatori sono: 

  • senza sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio
  • a basso contenuto di zucchero
  • senza zucchero
  • senza antibiotici
  • allevato con erba (nel caso delle carni)

La FDA  ha dichiarato che dal punto di vista della scienza dell’alimentazione è difficile definire un prodotto alimentare come ‘naturale’, poiché il cibo è quasi sempre trasformato, pertanto non è più un prodotto della terra. 

Tuttavia, la FDA non contesta l’uso di queste espressioni se l’alimento in questione non contiene colore aggiunto, aromi artificiali o sostanze sintetiche. 

Indietro

Chiedi la demo ADESSO