IMG-LOGO

#Sostenibilità: L'impatto ambientale è destinato a sconvolgere il packaging e l'etichettatura del CPG

2021/01/29

Il 2020 ha sconvolto il modo in cui i prodotti alimentari e non alimentari sono stati convenzionalmente commercializzati consentendo ai consumatori di selezionare i prodotti in base al loro impatto ambientale, tenendo conto del prodotto, della provenienza dei suoi ingredienti, della selezione del materiale di imballaggio, della lavorazione e della catena di fornitura.

Le nostre previsioni per questo decennio:

  • Proseguimento dell'attuale transizione verso materiali di imballaggio sostenibili e nuove soluzioni di imballaggio sviluppate tenendo conto sia delle prestazioni che dell'impatto ambientale
  • Nuova guida all'etichettatura per il packaging dei prodotti alimentari e non alimentari che permetterà ai consumatori di confrontare e selezionare i prodotti in base al loro impatto ambientale
  • Aumento vertiginoso dell'etichettatura digitale - a sostegno di nuove iniziative di vendita al dettaglio e di consumo di prodotti sostenibili e di storie guidate dai dati sulla provenienza degli ingredienti.

2020: Un punto di svolta per l'agenda della sostenibilità

Vorremmo tutti lasciarci alle spalle il 2020, ma un punto è chiaro: la pandemia Covid-19 ha dimostrato che i nostri attuali modelli di agricoltura intensiva, commercio e consumo stanno avendo un impatto senza precedenti non solo sul pianeta, ma anche sulla salute della popolazione umana.

Come spiega chiaramente Peter Daszak, presidente di Eco Health Alliance:
'Le stesse attività umane che guidano il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità guidano anche i rischi pandemici attraverso il loro impatto sul nostro ambiente'.

Non che ci fosse bisogno di ricordarlo, l'aumento di incidenze negli ultimi anni di incendi selvaggi ed eventi meteorologici anomali, è anche la testimonianza di un pianeta sotto pressione.

Bene per il pianeta, bene per il profitto

Un recente e illuminante studio di STERN (New York University) sui prodotti commercializzati in modo sostenibile ha condiviso alcune intuizioni sulla potenziale crescita e redditività di questo settore. 

STERN ha confermato che i prodotti commercializzati in modo sostenibile stanno crescendo oltre 7 volte più velocemente dei prodotti non commercializzati come sostenibili, godendo del 54,7% della crescita del mercato CPG tra il 2015 e il 2019.

La volontà dei consumatori di pagare di più per sostenere i propri valori è confermata con i prodotti commercializzati in modo sostenibile che godono di un premio di prezzo medio del 39,5% rispetto alle alternative non sostenibili.

I consumatori pagherebbero di più per un imballaggio sostenibile

Il passaggio a risorse di imballaggio più sostenibili ha dato il via ad alcune gradite innovazioni nel settore del packaging, dallo sviluppo di pellicole compostabili alle bottiglie di carta, come quella recentemente annunciata da Coca Cola.

Un recente studio di McKinsey ha mostrato che tra i consumatori statunitensi intervistati, il 60-70% ha detto che pagherebbe di più per un imballaggio sostenibile. Questo è un dato interessante e dovrebbe dare fiducia ai proprietari di marchi che stanno lottando con il costo dell'introduzione di alternative sostenibili alle soluzioni di imballaggio convenzionali.

Quello che però è intrigante è che, in risposta alla pandemia, scopriamo che i consumatori hanno un'aspettativa più alta di igiene e sicurezza alimentare anche per i prodotti confezionati. 

Dallo stesso studio: il 77% dei consumatori americani intervistati ha citato l'igiene e la sicurezza alimentare importanti per il packaging nel 2020 rispetto al 43% per l'impatto ambientale.

L'esigenza dei consumatori di essere rassicurati in quest'area, potrebbe infatti rallentare la tendenza ad abbandonare i materiali plastici per alcune categorie di prodotti, centrando l'argomento maggiormente nel caso di garantire la circolarità di TUTTI i substrati di imballaggio, siano essi in plastica, fibra, vetro o metallo.

Molti proprietari di marchi CPG hanno preso impegni di circolarità. Da Kraft Heinz, per esempio, sono in anticipo rispetto al programma proposto per creare processi di produzione circolari per il loro packaging e sono pronti a introdurre la prima bottiglia circolare di ketchup Heinz in Europa il prossimo anno, passando al PET monomateriale completamente riciclabile.

I consumatori hanno bisogno di fatti chiari per fare scelte sostenibili

Quello che risulta dalla ricerca attuale è che c'è un nuovo e crescente corpo di consumatori che sta attivamente cercando di fare scelte più sostenibili, sia nella propria spesa settimanale che in un caffè, ristorante o take away.

Tuttavia, esiste un problema: la mancanza di informazioni trasparenti. I consumatori hanno bisogno di fatti chiari per prendere decisioni d'acquisto appropriate.

Circa il 35-36% degli intervistati comprerebbe altri prodotti confezionati in modo sostenibile se fossero più disponibili nei negozi, disponibili per più prodotti e meglio etichettati (relazione McKinsey).

Sta a proprietari di marchi, rivenditori e operatori del settore alimentare rispondere rapidamente alla domanda dei consumatori ed etichettare chiaramente l'impatto climatico dei prodotti, nel punto di acquisto.

L'adozione su larga scala dell'etichettatura dell'impronta di carbonio è necessaria per guidare il cambiamento

Cambiare il nostro stile di vita sarebbe molto più facile se tutti i prodotti fossero chiaramente etichettati con impronte di carbonio comparabili.

È già stato provato in passato, sia Tesco che Pepsico (Walkers) hanno aggiunto i valori di carbon footprint a prodotti limitati in passato, ma le hanno ritirate perché non c'è stata un'adesione da parte di altri attori del mercato che avrebbe permesso ai consumatori di fare confronti significativi. 

L'adozione su larga scala dell'etichettatura dell'impronta di carbonio è necessaria per guidare il cambiamento. Ora prevediamo che ci stiamo avvicinando rapidamente al punto di svolta che permetterà che questo accada.

Unilever si è impegnata nel 2020 a etichettare TUTTO il suo portafoglio di prodotti con informazioni sull'impronta di carbonio, includendo una vasta gamma di prodotti alimentari e non alimentari.

E nelle ultime settimane, Panera Bread Company negli Stati Uniti ha annunciato di essere la prima catena di ristoranti nazionali statunitensi ad aggiungere l'etichettatura di CO2 ai proprio menu utilizzando un'approvazione Cool Food per i pasti che sono amici del clima. Per non parlare dei marchi Quorn e Oatly che l' hanno già aggiunta alle loro etichette alimentari.

La guida all'etichettatura e i regolamenti seguiranno rapidamente

Al momento, l'etichettatura dell'impatto ambientale è volontaria e gli standard normativi europei, statunitensi e/o mondiali devono ancora essere concordati.

Tuttavia, prevediamo che l'etichettatura obbligatoria dell'impatto ambientale sulla parte anteriore della confezione sarà in vigore entro i prossimi dieci anni. Se sarà basata su numeri, un "climate-score" semplificato, come prevediamo, o un altro dispositivo è ancora da determinare. 

4PACK Climate -Score

Un aumento dell'etichettatura digitale

In un mondo post-pandemico in cui lo shopping online per tutti i prodotti CPG sarà più prevalente, la digitalizzazione di dati di prodotto, informazioni nutrizionali, ingredienti & liste INCI è un dato di fatto.

Se a questo si aggiungono le informazioni richieste sul punteggio di sostenibilità e la provenienza degli ingredienti, la quantità di dati sui prodotti rivolti al consumatore che saranno immagazzinati, curati e distribuiti attraverso internet su ogni singolo prodotto in futuro è destinata ad aumentare rapidamente. In effetti, ci saranno così tante informazioni a portata di mano, che l'unico modo per condividerle sarà quello digitale.

A questo proposito, i codici QR o simili posti sulla confezione o sul punto di acquisto possono fornire un modo pratico per collegarsi a queste informazioni. Per esempio, Princes Group ha recentemente annunciato l'obiettivo di condividere le informazioni sull'origine degli ingredienti, utilizzando i codici QR stampati sulla confezione di Napolina.

Stiamo anche assistendo ad alcuni cambiamenti rivoluzionari nel modo in cui acquistiamo i prodotti CPG, guidati dalla necessità di creare esperienze di consumo più sostenibili.

Per esempio, i punti vendita al dettaglio che offrono prodotti da ricaricare come il nuovo Asda store concept con partnership da Unilever, o l'iniziativa di PepsiCo per andare 'oltre la bottiglia' e guidare il consumo di bevande senza bisogno di plastica monouso.

Senza imballaggi da portare a casa, le opzioni di ricarica rappresentano una sfida per la comunicazione dei dati relativi al prodotto, sia nel punto di acquisto che di consumo.

Il contenuto e l'etichettatura digitale possono colmare questa lacuna permettendo ai consumatori di chiedere informazioni sul prodotto alla stazione di rifornimento e oltre. I tag incorporati o i codici scannerizzabili stampati come il QR supporteranno questo, tuttavia, significherà che tutte queste informazioni dovranno essere disponibili sul cloud.

La complessità guidata dai dati

Il quadro normativo che circonda la sostenibilità, specialmente nell'area dei materiali di imballaggio, è complesso. Le aziende CPG stanno scoprendo che le specifiche di imballaggio esistenti devono essere costantemente aggiornate per tenere conto dei nuovi requisiti dei dati. 

Il passaggio a un processo di NPD sostenibile ha anche le sue sfide in termini di dati. L'integrazione dell'analisi del ciclo di vita (LCA) nei processi NPD, sia per le ricette dei prodotti che per la selezione dei materiali di imballaggio, aiuterà a "progettare" la sostenibilità fin dall'inizio.

L'esecuzione accurata dell'LCA richiede tuttavia che venga mantenuta un'ampia gamma di dati e informazioni aggiuntive per ogni singola materia prima, ingrediente e imballaggio. L'attenta gestione delle specifiche di prodotti, materie prime, ingredienti e imballaggi non è mai stata così importante. 

Sistemi intelligenti

I vincitori in questo spazio saranno coloro che possono memorizzare, approvare, segnalare e spingere senza soluzione di continuità i dati sulla sostenibilità del prodotto e del packaging verso siti e applicazioni online.

Ecco dove riteniamo che 4Pack si inserisca.

4Pack è il principale software end-to-end per prodotti e imballaggi per il settore CPG e Food & Beverage. 

Come soluzione SaaS (software as a service) aiuta i marchi e i produttori a gestire i processi di aggiornamento dei prodotti, del packaging e del lancio in modo più efficace. 

La nostra piattaforma permette di guidare l'efficienza, accelerare il time to market, semplificare e aumentare la collaborazione tra i team, interni ed esterni. 

4Pack ti permette di:

  • Centralizzare i dati del prodotto, degli ingredienti e del packaging
  • Rapportare in tempo reale, confrontare le versioni ed eseguire potenti ricerche
  • Fare analisi di impatto istantanee per il cambiamento degli ingredienti e dei materiali di confezionamento
  • Ottienere una connettività senza soluzione di continuità con il cloud per spingere fatti e immagini di prodotti o confezioni
  • Integrare con MRP/ERP per lo scambio di dati master
  • Accelerare i processi NPD e EPD senza perdita di precisione e integrità dei dati.

4PACK è la soluzione end-to-end che trasforma la gestione dei prodotti e dei flussi.
 
Vuoi scoprire di più?
 
Presentazione video
 
Scarica la brochure
 
oppure
 
Chiedi una consulenza

Seguici su Linkedin

Unisciti a noi

Iscriviti per ricevere tutti gli ultimi consigli, tendenze e approfondimenti dal team di 4Pack. Niente spam.